X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Falcidia del credito IVA anche nel concordato preventivo con continuità

La circolare n. 16 dell’Agenzia delle Entrate analizza la giurisprudenza e le novità normative riguardanti la transazione fiscale

/ Mirco GAZZERA

Martedì, 24 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 16 di ieri, 23 luglio 2018, ha esaminato, fra l’altro, la giurisprudenza sul trattamento del credito IVA e delle ritenute nel concordato preventivo, i rapporti fra quest’ultimo e i reati di omesso versamento nonché le modifiche normative apportate dal DL 83/2015 e dalla L. 232/2016 alla disciplina delle procedure concorsuali applicabili alle imprese in crisi.

Si premette che l’art. 1 comma 81 della L. 232/2016 (legge di bilancio 2017) ha modificato l’art. 182-ter del RD 267/42, relativo alla transazione fiscale, al fine di permettere una generale falcidia dell’IVA e delle ritenute.
In relazione alla disciplina previgente, infatti, la Corte di Cassazione (Cass. nn. 22931/2011 e 22932/2011) aveva affermato l’intangibilità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU