ACCEDI
Lunedì, 24 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Concordato con continuità e liquidatorio equiparati per la variazione IVA

Il debitore non deve rettificare l’imposta originariamente detratta, a dispetto di quanto recentemente sostenuto dalla Corte di Giustizia Ue

/ Michele BANA

Mercoledì, 31 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 26 comma 2 del DPR 633/72 riconosce al creditore (cedente o prestatore) il diritto di emettere la nota di variazione IVA senza limiti temporali particolari, salvo quelli previsti dal precedente art. 19 comma 1, a seguito del mancato pagamento, anche soltanto parziale, dovuto all’infruttuosità della procedura concorsuale del debitore (cessionario o committente).

Nel caso specifico del concordato preventivo liquidatorio, la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 161/2001 aveva precisato che la nota di variazione IVA emessa dal creditore parzialmente insoddisfatto, in virtù dell’esecuzione del piano di ripartizione finale dell’omologato concordato preventivo, non genera l’emersione di una passività tributaria in capo al debitore. A parere del Fisco,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU