X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Notizie in breve

ADC e ANC chiedono il differimento di esterometro e comunicazioni INTRASTAT al 31 marzo

/ REDAZIONE

Venerdì, 8 febbraio 2019

ADC e ANC, con un comunicato stampa congiunto diffuso ieri, hanno sottolineato le difficoltà dei professionisti all’indomani dell’entrata in vigore della normativa sulla fatturazione elettronica e hanno chiesto il differimento al 31 marzo almeno delle scadenze che riguardano le comunicazioni INTRASTAT (25 febbraio) e l’esterometro (28 febbraio).

Per quanto riguarda le ripercussioni sui ritmi di lavoro della fattura elettronica, nella nota si legge che “il numero impressionante e anomalo di «scarti», l’impossibilità di reperire le fatture nello SdI, il mancato incrocio di dati tra il sistema di interscambio e piattaforme private ha portato il caos (come era stato ampiamente previsto e denunciato). Risulta quindi estremamente difficoltoso per i professionisti fare fronte con la dovuta serenità agli adempimenti previsti per questo mese (IVA, IRPEF, INPS, INTRASTAT, esterometro, spesometro semestrale, Lipe), cui si aggiungono le ravvicinatissime certificazioni uniche del 7 marzo”.

Oltre al citato rinvio al 31 marzo dei due adempimenti con termine il 25 e il 28 febbraio, ADC e ANC chiedono che l’esterometro sia reso semestrale, che l’invio degli elenchi INTRASTAT sia eliminato in quanto costituisce una ridondanza rispetto al primo obbligo, e che sia altresì eliminato l’obbligo delle comunicazioni IVA trimestrali.

Sul fronte scadenze dunque continua a regnare il caos e nulla sembra cambiare, quando invece, come sostenuto in più occasioni, è urgente una riorganizzazione del calendario fiscale e una semplificazione degli adempimenti, quest’ultima anche in conseguenza dell’introduzione della fattura elettronica, il cui obbligo andrebbe comunque rivisto.

TORNA SU