X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Bancarotta fraudolenta documentale con condotte autonome

/ REDAZIONE

Venerdì, 22 marzo 2019

La Cassazione n. 12544/2019 ha precisato che le due ipotesi di bancarotta fraudolenta documentale contemplate dall’art. 216 comma 1 n. 2 del RD 267/1942 sono autonome.

Tale autonomia deve essere intesa come vera e propria alternatività. Nel senso che, qualora venga contestata la fisica sottrazione delle scritture contabili alla disponibilità degli organi fallimentari, non può essere addebitata all’agente anche la fraudolenta tenuta delle medesime; ipotesi che presuppone un accertamento condotto su libri contabili effettivamente rinvenuti ed esaminati dagli stessi organi fallimentari.

D’altronde, proprio perché le ipotesi di cui si discute sono alternative e, quindi, ciascuna idonea a integrare il delitto in questione, si è precisato che, accertata la responsabilità in ordine alla tenuta della contabilità in modo da rendere impossibile la ricostruzione del movimento degli affari e del patrimonio della fallita – che richiede il solo dolo generico – diviene superfluo accertare il dolo specifico richiesto per la condotta di sottrazione o distruzione dei libri e delle altre scritture contabili, anch’essa contestata (cfr. Cass. n. 43977/2017).

TORNA SU