X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’adozione del modello organizzativo è un onere e non un obbligo per l’azienda

Non occorre che l’ente adotti un documento formalmente intestato, essendo sufficiente che siano presenti comunque alcuni presidi preventivi

/ Ciro SANTORIELLO

Lunedì, 8 aprile 2019

Il decreto legislativo 231/2001, nel prevedere una possibile responsabilità da reato delle società e degli enti collettivi, individua nel cosiddetto modello organizzativo dell’impresa uno strumento con cui la persona giuridica può dimostrare la sua estraneità rispetto alla vicenda delittuosa che ha visto coinvolti suoi dirigenti o dipendenti e collaboratori.
In particolare, se il reato è stato commesso dai dirigenti aziendali di alto livello, vi è una sorta di presunzione della responsabilità dell’ente, cui compete di difendersi dimostrando di aver adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi; se invece il reato è stato commesso da dipendenti aziendali posti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU