ACCEDI
Mercoledì, 21 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Redditi e iscritti, continua la crescita «lenta» dei commercialisti

Oggi a Roma gli Stati generali della professione, ma i dati del rapporto 2019 redatto dalla FNC non sono incoraggianti

/ Savino GALLO

Giovedì, 9 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quella che si appresta a vivere la seconda edizione dei suoi Stati generali (appuntamento oggi a Roma, al Convention center “La Nuvola”) è una professione in crescita lenta, sia dal punto di vista reddituale che da quello demografico. A certificarlo il Rapporto 2019 realizzato come di consueto dalla Fondazione nazionale dei commercialisti, che ha analizzato, in particolare, l’andamento dei redditi 2018 (dichiarazioni 2017) e delle iscrizioni all’albo su tutto il territorio nazionale.

Ciò che ne viene fuori è una fotografia che conferma l’oramai consolidata asimmetria tra Nord e Sud, il rallentamento delle iscrizioni e una crescita troppo moderata dei redditi, soprattutto se rapportata alla crescita del Pil pro-capite nazionale.

Nel 2018, il reddito medio si

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU