X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 8 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Il patto di famiglia crea una sorta di patrimonio segregato

Le compensazioni spettanti ai legittimari non assegnatari dell’azienda vanno quantificate al momento del patto e tassate come donazioni modali

/ Anita MAURO

Venerdì, 9 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il patto di famiglia (art. 768-bis e ss. c.c.) è un valido strumento per programmare il passaggio generazionale nell’impresa, atteso che consente all’imprenditore di trasferire a un discendente la propria azienda, ovvero le partecipazioni sociali, mentre agli altri legittimari vengono attribuiti conguagli in denaro o in natura.

A un primo sguardo, potrebbe sembrare che il patto di famiglia non comporti maggiori vantaggi di una donazione di partecipazioni o di azienda, operata dall’imprenditore a favore del figlio prescelto, atteso che agli altri legittimari spettano comunque le “compensazioni” (previste dall’art. 768-quater comma 2 c.c.), calcolate sulla base delle quote di legittima spettanti a norma del codice civile (art. 536 e ss. c.c.).

Tuttavia, il patto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU