X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dubbi sulla partecipazione degli avvocati alle STP multidisciplinari

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Lunedì, 17 giugno 2019

Ultimamente sono sempre di più gli studi professionali che valutano l’opportunità di mutare il loro assetto organizzativo, passando dall’associazione professionale alla società tra professionisti.

La scelta può essere dettata da esigenze di maggior certezza nei rapporti fra i soci, dal desiderio di limitare la responsabilità verso i terzi (optando per modelli societari che consentono un’autonomia patrimoniale perfetta), oltre che da esigenze di crescita dimensionale, magari supportata da ingressi nello studio anche di soci investitori.

Fra i modelli societari adoperabili occorre in primo luogo distinguere il modello “generale”, rappresentato dalla società tra professionisti ex art. 10 della L. 183/2011 (STP), dal modello “speciale”, rappresentato dalla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU