X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Incoerente escludere le case vacanza dalla cedolare secca

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Mercoledì, 12 giugno 2019

Sono sempre più i proprietari di immobili, specie se siti in città d’arte o luoghi di villeggiatura, che decidono di affidarne la gestione a società di intermediazione immobiliare, affinché vengano messi sul mercato attraverso l’ausilio di siti e piattaforme on line.

Nella prassi, gli immobili, che vengono tipicamente concessi agli ospiti per brevi periodi di vacanza, sono affidati dai proprietari alle società di intermediazione mediante contratti di mandato senza rappresentanza.
In forza di tali mandati, le società instaurano la cornice amministrativa necessaria allo svolgimento delle attività, curano gli adempimenti regolamentari e sottoscrivono, in nome proprio ma per conto dei proprietari, i contratti con i clienti/ospiti.

Nella prassi del settore, la citata gestione “turistica” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU