X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esame di legittimità per la trasparenza fiscale senza redditi percepiti

Il socio accomandante può non avere avuto, pur essendosi attivato, alcuna informazione

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 3 ottobre 2019

Per effetto dell’art. 5 comma 1 del TUIR, i redditi delle società semplici, in nome collettivo e in accomandita semplice residenti nel territorio dello Stato sono imputati a ciascun socio, indipendentemente dalla percezione, proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili.

Si ricorda che, nelle società di persone, anche per i soci accomandanti è assolutamente irrilevante, ai fini della tassazione, l’effettivo percepimento del reddito, che viene attribuito mediante trasparenza in ragione di una presunzione assoluta.
Presunzione che, essendo come appena detto assoluta, non ammette prova contraria: ergo, il socio deve assoggettare a imposizione, pro quota, il reddito prodotto dalla società anche se, per qualsiasi ragione, non lo ha percepito. O meglio, e questo è l’aspetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU