X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 22 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Confisca diretta per la società solo con prova dell’esistenza concreta di beni

La Cassazione ha ribadito che è legittimo il sequestro nei confronti del legale rappresentante se non fornisce la prova

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 19 ottobre 2019

Quando si procede per reati tributari commessi dal legale rappresentante di una persona giuridica, è legittimo il sequestro preventivo funzionale alla successiva confisca per equivalente dei beni dell’imputato sul presupposto dell’impossibilità di reperire il profitto del reato nel caso in cui dallo stesso soggetto non sia stata fornita la prova della concreta esistenza di beni nella disponibilità della persona giuridica su cui disporre la confisca diretta.
Tale principio, già in precedenza enunciato dalle pronunce nn. 42966/2015 e 40362/2016, è stato ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 42946 depositata ieri.

Ciò in quanto l’art. 322-ter c.p. – precedentemente richiamato dall’art. 1 comma 143 della L. 244/2007, oggi confluito nell’art. 12-bis del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU