X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Perdite in capo alla stabile estera della società italiana risultante dalla fusione

Se la fusione determina, nel Paese estero della società fusa, una S.O. della società italiana, le perdite non possono essere riportate «direttamente»

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 22 ottobre 2019

Quando è un soggetto estero ad essere fuso o incorporato in un soggetto residente, l’ordinamento italiano non contempla norme volte a disciplinare le modalità di utilizzazione e riporto post fusione delle eventuali perdite fiscali pregresse del soggetto estero da parte del soggetto risultante o incorporante residente.

Ai sensi dell’art. 181 del TUIR, infatti, le perdite fiscali ante fusione del soggetto residente fuso o incorporato possono essere riportate post fusione dal soggetto non residente risultante o incorporante:
- proporzionalmente alla differenza tra elementi dell’attivo e del passivo effettivamente connessi alla stabile organizzazione sita nel territorio dello Stato risultante dall’operazione e nei limiti di detta differenza;
- e comunque alle condizioni e nei

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU