X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

FISCO

In arrivo pene più alte e soglie di punibilità più basse per i reati tributari

Le misure dovrebbero entrare in vigore solo con la conversione in legge del decreto fiscale; potrebbero esserci margini per ulteriori ritocchi

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 24 ottobre 2019

Aumenti di pene e abbassamento delle soglie di punibilità: questa la “cura” prevista dalla bozza del decreto fiscale collegato alla manovra di bilancio per il 2020 per i reati tributari disciplinati dal DLgs. 74/2000.

Per il reato di dichiarazione fraudolenta mediante fatture e altri documenti falsi (art. 2 del DLgs. 74/2000), viene previsto l’innalzamento delle attuali pene ad un minimo di 4 ed un massimo di 8, anni se l’imposta evasa supera 100.000 euro, mentre vengono mantenute quelle attuali (da un minimo di 1,5 a un massimo di 6 anni) se l’imposta evasa è inferiore a tale soglia (si ricorda che per questo reato non esistono soglie di punibilità, costituendo dunque reato anche l’evasione di un solo euro quando attuata mediante false fatturazioni).

La stessa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU