X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 7 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Confisca «per sproporzione» retroattiva

/ REDAZIONE

Sabato, 9 novembre 2019

In relazione alla confisca “per sproporzione” o “allargata”, ex art. 240-bis c.p., che il recente DL 124/2019 estende, a partire dalla data di conversione in legge, ai reati tributari, la Cassazione, nella sentenza n. 45105/2019, ha precisato che l’interessato può dimostrare la proporzione tra redditi disponibili e valore degli acquisti e/o degli investimenti fornendo la prova che l’acquisto sia avvenuto con redditi ulteriori rispetto a quelli regolarmente dichiarati (quali, ad esempio, lasciti ereditari, vincite di gioco o redditi provenienti da attività lecita prima della scadenza del termine per la dichiarazione), a condizione che gli stessi non costituiscano provento di evasione tributaria e che si tratti di provviste lecite e tracciabili (cfr. Cass. n. 10765/2018).

La confisca “per sproporzione” o “allargata”, peraltro, presenta natura di misura di sicurezza e non sanzionatoria.

Di conseguenza, può essere disposta anche in relazione a cespiti acquisiti in epoca anteriore all’entrata in vigore delle disposizioni che l’hanno istituita, in quanto il principio di irretroattività opera solo con riguardo alle confische aventi sicura natura sanzionatoria (cfr. Cass. n. 10887/2013).

TORNA SU