X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Niente compensi per il sindaco inadempiente

Si moltiplicano le eccezioni di inadempimento, soprattutto da parte dei curatori fallimentari

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 13 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dalla violazione degli obblighi che incombono sul sindaco – che, ad esempio, in uno stato di insolvenza già conclamato resti inattivo rispetto all’obbligo di sollecitare l’organo amministrativo ad adottare le misure necessarie a scongiurare il dissesto, limitandosi a generiche raccomandazioni informative e a rimettere agli altri organi sociali le decisioni di competenza – possono derivare non solo importanti conseguenze in termini di responsabilità, ma anche la legittimità del rigetto, sulla base dell’eccezione di inadempimento di cui all’art. 1460 c.c., della pretesa di essere ammesso al passivo del successivo fallimento della società per i crediti professionali connessi allo svolgimento del relativo incarico.

Lo strumento contemplato dall’art. 1460 c.c., ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU