X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 30 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Concordato in continuità soggetto al criterio qualitativo

Escluso il giudizio di prevalenza, rileva la funzionalità alla continuazione dell’attività d’impresa

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 16 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 734, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha rimarcato il principio secondo il quale il concordato preventivo nel quale alla liquidazione atomistica di una parte dei beni si accompagna la prosecuzione dell’attività aziendale è regolato – salvi i casi di abuso – dalla disciplina speciale di cui all’art. 186-bis del RD 267/42.
Tale norma non prevede alcun giudizio di prevalenza tra le porzioni di beni a cui è assegnata una diversa destinazione, ma una valutazione di idoneità di quelli sottratti alla liquidazione a essere organizzati in funzione della continuazione, totale o parziale, dell’attività d’impresa, assicurando il miglior soddisfacimento dei creditori.

La fattispecie riguardava una proposta di concordato, che prevedeva la vendita di beni immobili ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU