X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per il diritto di difesa del lavoratore la contestazione deve essere tempestiva

Il concetto di immediatezza è relativo: rileva il momento in cui il datore ha acquisito piena conoscenza del fatto

/ Alessandro ZACCONE

Sabato, 22 febbraio 2020

Ai sensi dell’art. 7 della L. 300/70 il datore di lavoro non può adottare provvedimenti disciplinari nei confronti del prestatore senza una preventiva e tempestiva contestazione degli addebiti.
Il principio dell’immediatezza della contestazione garantisce l’effettività del diritto di difesa del lavoratore incolpato, consentendogli di predisporre le proprie difese nell’immediatezza del fatto, reperendo materiale o testimoni. Pertanto, il ritardo nella contestazione può costituire vizio del procedimento disciplinare solo ove sia di ostacolo alla difesa del lavoratore (Cass. n. 3904/2020).

La tempestività, inoltre, tutela l’affidamento del lavoratore: in caso di ritardo nella contestazione, questi potrà legittimamente ritenere non rilevante da un punto di vista disciplinare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU