X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

La cointestazione del conto in adempimento della sentenza di divorzio non è donazione

/ REDAZIONE

Venerdì, 10 luglio 2020

x
STAMPA

La cointestazione, a favore dell’ex coniuge, di conti correnti su cui l’altro ex coniuge versa denaro e altre attività (dossier titoli) da utilizzare nell’esclusivo interesse dei figli minori, in adempimento degli obblighi stabiliti dal giudice nella sentenza di divorzio, non costituisce una forma di donazione indiretta in favore dell’ex coniuge (o dei figli), in quanto priva dell’indispensabile requisito dello spirito di liberalità e, pertanto, non integra il presupposto impositivo dell’imposta di donazione. Lo afferma l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 205 di ieri. 

Nel caso di specie, la sentenza di divorzio stabilisce che l’ex coniuge deve corrispondere ai figli beni e/o titoli in proprietà per un determinato valore. Per adempiere a tale obbligo, il padre intende mettere a disposizione dei figli la somma concordata su due conti correnti, con dossier titoli annesso, cointestando i conti correnti alla ex moglie, atteso che i figli sono minori.

L’Agenzia delle Entrate, dopo aver rilevato che la cointestazione del conto corrente, nel caso di specie, avverrebbe con “firma congiunta” e non consentirebbe, quindi, al singolo cointestatario di disporre del conto senza il consenso dell’altro, esclude il presupposto impositivo dell’imposta di donazione, in assenza di spirito di liberalità.

Infatti, si può configurare una donazione indiretta solo nei limiti in cui l’attribuzione sia realizzata con scopo liberale. Invece, nel caso di specie, l’attribuzione avviene in adempimento degli obblighi giuridici sanciti dalla sentenza di divorzio e pertanto, non sconta l’imposta di donazione.

TORNA SU