X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Necessaria la richiesta per abbinare il profilo allo status di consulente del lavoro per l’emersione

/ REDAZIONE

Giovedì, 6 agosto 2020

x
STAMPA

Con comunicato diffuso ieri, il Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro ha fornito ulteriori precisazioni in merito alla registrazione sul portale dello Sportello unico per l’immigrazione del Ministero dell’Interno (https://nullaostalavoro.dlci.interno.it), ai fini della presentazione delle istanze per l’emersione di rapporti di lavoro irregolari, ex art. 103 del DL 34/2020.

In particolare, è necessario sia procedere alla registrazione sul sito del Ministero, utilizzando lo SPID, sia abbinare il proprio profilo allo status di “Consulente del Lavoro”, inoltrando la richiesta al Consiglio provinciale di appartenenza. Quest’ultimo, come previsto dal Protocollo di intesa in corso di validità tra il Consiglio nazionale, il Ministero dell’Interno e il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, trasmette alla Prefettura di competenza i modelli 7 e 8 (allegati al comunicato in commento), necessari ai fini della trasformazione del profilo da “privato” a quello di “Consulente del Lavoro”.

Infine, si precisa che, in attesa della conclusione del procedimento, il professionista potrà comunque iniziare a operare senza alcuna limitazione.

TORNA SU