X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Pubblicato lo studio OCSE sulla regressività dell’IVA

/ REDAZIONE

Martedì, 11 agosto 2020

x
STAMPA

Nella giornata di ieri, 10 agosto 2020, l’OCSE ha pubblicato il working paper n. 49 in cui si compie una nuova analisi della regressività dell’IVA.

Lo studio fornisce, nella parte iniziale, le indicazioni sulle metodologie utilizzate, basate su modelli di simulazione. Alla luce delle analisi compiute, l’IVA è un’imposta per lo più proporzionale o lievemente progressiva nella maggior parte dei 27 Paesi OCSE presi in esame. 
In particolare, l’IVA appare regressiva quando misurata come percentuale del reddito disponibile nei 27 Paesi, mentre appare generalmente proporzionale o moderatamente progressiva quando misurata come percentuale della spesa effettiva.

Nondimeno, in alcuni Paesi in cui il sistema dell’IVA ha poche aliquote ridotte o esenzioni, si può manifestare un grado di regressività molto contenuto.

I risultati dello studio, inoltre, portano a ritenere che un’imposta proporzionale possa avere comunque significative conseguenze per le fasce più deboli della popolazione. Da ciò deriva l’importanza di politiche economiche che controbilancino con benefici fiscali la perdita di potere d’acquisto derivante dall’applicazione dell’imposta sui consumi.

In ultimo, lo studio suggerisce che la crisi pandemica può essere l’occasione per una riforma dell’IVA che porti il suo contributo al raggiungimento degli obiettivi erariali.

TORNA SU