X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Se l’edificio diventa unifamiliare i tetti di spesa detraibili non si moltiplicano

Le Entrate si occupano di un caso in cui il risultato degli interventi è una unità abitativa con unità pertinenziale autonomamente accatastata

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 30 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se il risultato degli interventi edilizi su edifici composti da più unità immobiliari è quello di trasformarli in un edificio unifamiliare, non è possibile ragionare in termini di “parti comuni” dell’edificio e, conseguentemente, moltiplicare i tetti di spesa “unitari” per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio ante intervento.

Sembrerebbe essere questa la statuizione di principio implicita nella risposta a interpello n. 419 diramata ieri dall’Agenzia delle Entrate che, al netto di questa chiave di lettura, apparirebbe altrimenti in contrasto con precedenti chiarimenti di prassi ufficiale della stessa Agenzia.

Oggetto dell’istanza di interpello sono due corpi di fabbrica adiacenti.
Il primo quesito contenuto nell’istanza concerne ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU