X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel ricorso contro la cartella si può eccepire la preventiva escussione

Accertamento esecutivo da notificare anche al socio

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 17 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 28709, ha fissato alcuni principi di diritto molto importanti in relazione alla possibilità, per il socio di società di persone, di eccepire, in sede di ricorso contro la cartella di pagamento, il beneficio della preventiva escussione.

L’art. 2304 c.c. stabilisce: “I creditori sociali, anche se la società è in liquidazione, non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo l’escussione del patrimonio sociale”.
In primo luogo, si afferma che il socio di società di persone, raggiunto da una cartella di pagamento che segue un atto di accertamento emesso e notificato alla società di persone per tributi propri come l’IVA, può impugnarlo eccependo il beneficio di preventiva escussione di cui

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU