X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

In arrivo l’IVA al 10% sui piatti pronti da asporto

Un emendamento al Ddl. di bilancio 2021 include le cessioni tra le preparazioni alimentari agevolate

/ Corinna COSENTINO e Simonetta LA GRUTTA

Martedì, 22 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le cessioni di piatti pronti e di pasti che siano stati cotti, arrostiti, fritti o altrimenti preparati in vista del loro consumo immediato, della loro consegna a domicilio o dell’asporto rientrano tra le preparazioni alimentari soggette ad aliquota IVA del 10%.
È quanto recita un emendamento al Ddl. di bilancio 2021 approvato in Commissione Bilancio alla Camera, sul quale si registra il consenso unanime dei gruppi parlamentari. Il testo così modificato approda oggi all’esame dell’Aula. 

Se la disposizione in oggetto dovesse essere confermata, dunque, la fornitura dei predetti beni alimentari beneficerebbe dell’aliquota IVA del 10% anche quando resa al di fuori di un servizio di somministrazione.
Si ricorda, infatti, che secondo la prassi dell’Amministrazione finanziaria ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU