X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Raddoppio del contributo unificato solo a danno del contribuente

Lo Stato in caso contrario sarebbe creditore e debitore di sé stesso

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Sabato, 9 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il raddoppio del contributo unificato in Cassazione, applicabile quando l’impugnazione è interamente respinta oppure è dichiarata inammissibile o improcedibile – sebbene rappresenti una sanzione processuale lato sensu intesa – non può trovare applicazione nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, in quanto “le Amministrazioni dello Stato [...] sono esentate dal pagamento delle imposte e tasse che gravano sul processo”, atteso che, se così non fosse, lo Stato verrebbe a essere contemporaneamente debitore e creditore di sé stesso.
È questo il principio – comunque non nuovo – che emerge dalla lettura della sentenza della Corte di Cassazione n. 29860 del 30 dicembre 2020.

L’art. 13, comma 1-quater del DPR 115/2002 (T.U. delle spese di giustizia) stabilisce che ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU