X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’IVA esigibile ante fallimento guida la compilazione della dichiarazione annuale

Se il relativo debito emerge in corso di procedura, il curatore deve compilare un modulo autonomo per mantenere distinte le operazioni sottostanti

/ Michele BANA

Venerdì, 9 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’IVA di rivalsa riguardante prestazioni di servizi effettuate prima dell’apertura del fallimento, addebitata in corso di procedura a seguito dell’incasso del corrispettivo, non costituisce un debito prededucibile, ma una passività concorsuale. Conseguentemente, è necessario annotare separatamente le fatture emesse per documentare l’incasso del corrispettivo – senza far confluire il debito IVA nella liquidazione periodica e annuale – e comunicare tempestivamente all’Agenzia delle Entrate il debito non versato, per consentirne l’insinuazione, seppur tardiva, allo stato passivo del fallimento.

Questo comportamento è stato confermato dalla medesima Amministrazione finanziaria con la risposta n. 230 pubblicata nella giornata di ieri, condividendo la tesi dell’istante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU