X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Tassato in Italia il lavoro svolto in Svizzera

/ REDAZIONE

Venerdì, 14 maggio 2021

x
STAMPA

La sentenza n. 12921 della Corte di Cassazione, depositata ieri, ha confermato il principio per cui, se una persona fisica presta il proprio lavoro subordinato in uno Stato estero mantenendo la residenza fiscale in Italia, i compensi percepiti sono imponibili in Italia, ferma restando l’imposizione nell’altro Stato se non sussistono le condizioni di esonero previste dalla Convenzione che lega l’Italia a questo Stato.

Nel caso esaminato, trattandosi di un rapporto di lavoro subordinato, non di natura pubblica, svolto nell’altro Stato (la Svizzera) per oltre 183 giorni nell’anno solare, non risultava soddisfatta alcuna delle condizioni previste dall’art. 15 della Convenzione Italia-Svizzera per escludere i compensi dall’imposizione nella Confederazione Elvetica.

Ne consegue l’obbligo di assoggettare ad imposta i compensi medesimi in Italia (Stato di residenza della persona), con il diritto di detrarre l’imposta svizzera dall’IRPEF ai sensi dell’art. 165 del TUIR.

TORNA SU