X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La notifica dell’avviso di accertamento blocca il cumulo giuridico

Rilevano i termini di presentazione della dichiarazione

/ Pietro SEMERARO e Giorgio INFRANCA

Giovedì, 10 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il beneficio della continuazione incontra come limite la constatazione della violazione tributaria, rappresentata dalla notifica dell’atto impositivo, a nulla rilevando la “sorte” dell’atto stesso (sia essa divenuto definitivo per omessa impugnazione o sia ancora oggetto di giudizio tributario).

Una volta intervenuta la constatazione della violazione, dunque, non è più possibile godere dell’applicazione del cumulo giuridico sulle violazioni commesse successivamente alla data di notifica dell’accertamento. In altri termini, la continuazione opera solo con riferimento alle annualità per le quali, alla data di notifica dell’atto, i termini ordinari per la presentazione della dichiarazione sono spirati.
È questo il principio desumibile dalla lettura della

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU