X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Spese assicurative connesse ma non accessorie

/ Luca BILANCINI

Giovedì, 12 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il processo di valutazione necessario a qualificare l’accessorietà di una prestazione richiede l’analisi di diversi fattori e la corretta ponderazione delle circostanze in cui l’operazione si svolge. Come rilevato dai giudici europei, infatti, “non esistono regole assolute quanto alla determinazione dell’estensione di una prestazione” (causa C-349/96).

Sulla base di alcuni principi del tutto consolidati, si può affermare che una prestazione deve essere considerata accessoria ad altra, principale, “quando essa non costituisce per la clientela un fine a sé stante, bensì il mezzo per fruire nelle migliori condizioni del servizio principale offerto dal prestatore” (cfr., ex plurimis, cause C-349/96 e C-502/09).

Secondo quanto chiarito in passato dalla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU