X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Proroga della moratoria PMI senza effetti sulle segnalazioni in Centrale Rischi

Fino al 31 dicembre 2021 i debitori non possono essere classificati a «sofferenza»

/ Marco PEZZETTA

Sabato, 11 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-06544 resa l’8 settembre in Commissione Finanze alla Camera, il MEF è ritornato sul tema dei riflessi, in termini di classificazione dei crediti, della proroga della moratoria bancaria di cui all’art. 56 del DL 18/2020. La disposizione, come si ricorderà, consentiva alle PMI le cui esposizioni non erano già classificate come deteriorate, di sospendere il pagamento di capitali e interessi fino al 31 settembre 2020, termine poi spostato una prima volta al 31 dicembre 2020 e una seconda volta al 30 giugno 2021.

Con il decreto “Sostegni-bis” (DL 73/2021 conv. L. 106/2021) la moratoria di cui trattasi è stata prorogata al 31 dicembre 2021, ma non più su base automatica (era necessario presentare una domanda entro il 15 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU