X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Nuovi obblighi dai distacchi transnazionali a catena

Con la circolare n. 2/2021 l’INL chiarisce che sarà l’agenzia di somministrazione ad avere la responsabilità, tra l’altro, degli adempimenti formali

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una disciplina specifica per le ipotesi di distacchi a catena di lavoratori somministrati, il rafforzamento del nucleo delle tutele già previste dalla legislazione vigente per i lavoratori distaccati, nonché l’ampliamento del livello di tutele per i lavoratori coinvolti in distacchi di lunga durata. Sono questi, in estrema sintesi, i punti principali oggetto di intervento normativo con il DLgs. 122/2020, che ha modificato il DLgs. 136/2016 in materia di distacco transnazionale, sui quali in modo dettagliato si è soffermata la circolare n. 2 dell’Ispettorato nazionale del lavoro pubblicata ieri, 19 ottobre 2021.

Il DLgs. 122/2020 rappresenta il recepimento della direttiva europea 957/2018, che ha aggiornato la direttiva 96/71/Ce in materia di distacco transnazionale dei lavoratori. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU