X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenti IVA solo i servizi di pagamento che incidono nella sfera giuridica del destinatario

Il beneficio non spetta se la prestazione non genera esposizioni a debito o a credito

/ Luca BILANCINI

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La messa a disposizione di una piattaforma tecnologica a favore di una banca, affinché questa possa rendere i propri servizi ai clienti finali, costituisce un’operazione soggetta ad IVA con aliquota ordinaria; l’intervento diretto nelle procedure di esecuzione bancarie che modifica le situazioni giuridiche ed economiche dei suddetti clienti finali è, invece, riconducibile nel perimetro delle operazioni esenti da IVA ex art. 10 comma 1 n. 1 del DPR 633/72.
Questo, in estrema sintesi, il principio contenuto nella risposta a interpello n. 735, pubblicata ieri, 19 ottobre 2021, dall’Agenzia delle Entrate.

Il caso riguarda un soggetto (Alfa) specializzato nella fornitura di servizi di pagamento relativi a carte di credito, di debito e prepagate, prestati in outsourcing, grazie a

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU