X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Certificazioni linguistiche e servizi di formazione da soggetto estero esenti da IVA

/ REDAZIONE

Giovedì, 28 ottobre 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 750 di ieri, l’Agenzia delle Entrate, tornando sul tema del trattamento IVA da riservare alle prestazioni educative e didattiche (cfr. consulenza giuridica n. 6/2021), chiarisce che, in presenza dei requisiti (oggettivo e soggettivo) richiesti dall’art. 10 comma 1 n. 20 del DPR 633/72, dette prestazioni possono beneficiare dell’esenzione anche se rese da un soggetto non stabilito in Italia a committenti nazionali.

Il regime agevolativo di cui alla norma suindicata può infatti operare solamente se viene soddisfatto il presupposto oggettivo, individuabile nella natura didattica e formativa dei servizi resi, e contestualmente quello soggettivo secondo cui le predette prestazioni devono essere rese da soggetti riconosciuti dalla Pubblica Amministrazione.

Nel caso oggetto di interpello, la società istante, ente certificatore stabilito nel Regno Unito che rilascia certificazioni linguistiche e svolge attività di formazione professionale rivolta a scuole e istituti italiani, ha rilevato di aver ottenuto il riconoscimento richiesto in quanto soggetto riconosciuto dal MIUR e, fra l’altro, di essere incluso nell’elenco degli enti certificatori di lingue straniere pubblicato dal medesimo Ministero.

In base a tali considerazioni l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto, quindi, sussistenti i requisiti richiesti dalla norma per l’applicazione dell’esenzione, specificando che l’istante potrà emettere fattura senza IVA dal proprio identificativo inglese indicando sulla medesima che si tratta di servizi per i quali ricorrono le condizioni per il regime di esenzione di cui all’art. 10 comma 1 n. 20 del DPR 633/72 e a cui applicare il meccanismo del reverse charge secondo il successivo art. 17 comma 2.

TORNA SU