X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Indebita compensazione senza dichiarazione

/ REDAZIONE

Venerdì, 26 novembre 2021

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 43089/2021, ha stabilito che il delitto di indebita compensazione, ex art. 10-quater del DLgs. 74/2000, non presuppone la presentazione da parte del contribuente di una dichiarazione annuale; ciò a differenza della dichiarazione infedele, di cui all’art. 4 dello stesso DLgs., in cui il mendacio del contribuente si esprime proprio nella dichiarazione annuale relativa a imposte sui redditi o IVA.

Il reato, infatti, si consuma al momento della presentazione dell’ultimo modello F24 relativo all’anno interessato e non in quello della successiva dichiarazione dei redditi, in quanto la condotta del contribuente si perfeziona con l’utilizzo del modello indicato, realizzandosi il mancato versamento per effetto dell’indebita compensazione di crediti in realtà non spettanti in base alla normativa fiscale.

TORNA SU