Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Necessario l’apporto lavorativo continuativo per l’impresa familiare

Per potersi avvalere del disposto dell’art. 5 comma 4 del TUIR l’attività del collaboratore, oltre che continuativa, deve anche essere prevalente

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 12 aprile 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La natura continuativa dell’apporto lavorativo prestato in seno all’impresa (senza che detto apporto lavorativo sia regolato sulla base di uno specifico rapporto giuridico) costituisce uno dei requisiti essenziali perché possa sussistere la qualifica di collaboratore familiare dell’impresa e la conseguente natura “familiare” dell’impresa individuale, da cui discende l’applicazione della particolare disciplina prevista dall’art. 230-bis c.c.

L’istituto dell’impresa familiare viene infatti configurato dall’incipit del comma 1 dell’art. 230-bis come istituto meramente residuale, nel senso che esso ricorre esclusivamente quando le parti (titolare dell’impresa e familiare che vi presta la propria opera in modo continuativo)

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU