Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

FISCO

La testimonianza scritta si ferma alle circostanze attestate dal pubblico ufficiale

L’interpretazione della norma deve tenere conto della giurisprudenza relativa alle dichiarazioni dei terzi

/ Alice BOANO

Lunedì, 31 ottobre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella disposizione che ha introdotto la testimonianza scritta nel processo tributario, ossia l’art. 7 del DLgs. 546/92, l’ultimo periodo del quarto comma stabilisce che “Nei casi in cui la pretesa tributaria sia fondata su verbali o altri atti facenti fede fino a querela di falso, la prova è ammessa soltanto su circostanze di fatto diverse da quelle attestate dal pubblico ufficiale”.
La norma così formulata obbliga a un coordinamento con la disciplina – in particolare per quanto concerne il valore probatorio – delle dichiarazioni di terzi.

La giurisprudenza (che ovviamente fa riferimento alla “vecchia” formulazione dell’art. 7 del DLgs. 546/92) riteneva, nonostante il divieto normativo di prova testimoniale, ammissibile l’utilizzo delle dichiarazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU