ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ancora dubbi per gli errori nelle comunicazioni di opzione per lavori edilizi

Nota di credito da emettere entro il termine di un anno dal momento di effettuazione dell’operazione originaria

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Lunedì, 3 luglio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione alla comunicazione di opzione per la cessione del credito relativo alla detrazione fiscale spettante per interventi “edilizi” e per il c.d. “sconto sul corrispettivo”, di cui all’art. 121 del DL 34/2020, nella risposta a interpello n. 348/2023 l’Agenzia delle Entrate ha opportunamente chiarito che in caso di errori sostanziali nella comunicazione di opzione, il credito d’imposta nel cassetto fiscale del cessionario/fornitore è:
inesistente, se manca il presupposto costitutivo (il credito non emerge dai dati contabili, finanziari o patrimoniali del contribuente) e, contestualmente, l’inesistenza non è riscontrabile con controlli automatizzati o formali;
non spettante, in tutti gli altri casi.

Di conseguenza, nel caso venga annullata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU