ACCEDI
Martedì, 16 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Negato il rimborso IVA alla S.O. anche dove non interviene

Secondo la Cassazione non accedono al rimborso neppure le operazioni «dirette» della casa madre

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Mercoledì, 6 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 25685, depositata il 4 settembre scorso, la Cassazione ha affermato che non ha diritto al rimborso IVA ai sensi dell’art. 30 comma 3 lett. e) del DPR 633/72 il soggetto non residente dotato di un’effettiva e operativa stabile organizzazione (S.O.) in Italia. Il rimborso è negato anche per le operazioni compiute direttamente dalla casa madre, ossia senza il coinvolgimento della S.O.

A più riprese, nella pronuncia, è ribadito il principio secondo cui sono due le modalità di recupero dell’IVA, vale a dire mediante detrazione o mediante rimborso, e che la legittima modalità dipende essenzialmente dal luogo di stabilimento del soggetto passivo che ha effettuato acquisti di beni o servizi o importazioni nel territorio dello Stato.

Secondo la Corte, non sussiste ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU