ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Dichiarazioni false per il Rdc non sempre penalmente rilevanti

Le Sezioni Unite affermano il principio di offensività: integrano il reato solo se sono funzionali a ottenere un beneficio non spettante

/ Maria Francesca ARTUSI

Lunedì, 18 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le omesse o false informazioni contenute nell’autodichiarazione finalizzata a conseguire il reddito di cittadinanza sono penalmente rilevanti solo se funzionali a ottenere un beneficio non spettante ovvero spettante in misura superiore a quella di legge.
Così le Sezioni Unite, nella sentenza n. 49686 depositata il 13 dicembre, hanno risolto il dibattito che si protraeva sui presupposti per contestare il delitto di cui all’art. 7 del DL 4/2019 convertito, in cui si punisce chi rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero omette informazioni dovute, al fine di ottenere indebitamente il reddito di cittadinanza.

Sull’interpretazione di tale disposizione si sono registrati orientamenti contrastanti.
Secondo un primo indirizzo, cui ha dato l’avvio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU