ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’assenza del DVR non determina la conversione retroattiva del contratto

Smentiti i precedenti orientamenti di giurisprudenza di merito, Ministero del Lavoro e INL sulla mancanza del documento di valutazione dei rischi

/ Mario PAGANO

Venerdì, 15 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’assenza del documento di valutazione dei rischi (DVR) non determina la conversione retroattiva del contratto di lavoro intermittente in normale contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Questo è il principio espresso dalla Cassazione con ordinanza n. 378/2024, destinata a lasciare il segno, in quanto difforme rispetto a precedenti orientamenti della giurisprudenza di merito, del Ministero del Lavoro e dell’Ispettorato nazionale del Lavoro (INL).

Una decisione, ad avviso di chi scrive, che potrebbe essere destinata ad applicazioni analogiche in circostanze simili, non solo in rapporto al contratto intermittente ma anche rispetto ad altre figure contrattuali, tutte le volte in cui il loro utilizzo sia avvenuto in modo contrario alle condizioni e alla disciplina dettata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU