ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

I diritti non definiti della società estinta passano in contitolarità ai soci

Le mere pretese devono però ritenersi rinunciate

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 26 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 2127/2024, ha ripercorso le motivazioni che, ormai nel 2013, avevano condotto le Sezioni Unite alle conclusioni delle sentenze gemelle nn. 6070, 6071 e 6072, con una sintesi che appare opportuno riproporre.
Si ricorda, innanzitutto, che la cancellazione di una società di capitali dal Registro delle imprese – che nella previgente disciplina si riteneva non valesse a provocare l’estinzione dell’ente, qualora non tutti i rapporti giuridici a esso facenti capo fossero stati definiti – è oggi da considerare senz’altro produttiva di quell’effetto estintivo, destinato a operare in coincidenza con la cancellazione.

Così come, nel caso della persona fisica, la scomparsa del debitore non estingue il debito, ma innesca un meccanismo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU