ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’accertamento sul plafond consente la detrazione IVA per l’esportatore abituale

Si applica l’istituto della rivalsa «a posteriori», come ha confermato la Cassazione

/ Emanuele GRECO

Lunedì, 20 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 5778, depositata il 4 marzo 2024, la Cassazione ha esaminato le condizioni al ricorrere delle quali gli esportatori abituali, a seguito di splafonamento, possono detrarre l’IVA versata all’Erario.

La Suprema Corte ha riconosciuto piena legittimità all’istituto della rivalsa post accertamento ex art. 60 comma 7 del DPR 633/72, nonostante l’Amministrazione finanziaria, nel caso di specie, in sede di verifica ne avesse negato l’applicabilità sostenendo che lo splafonamento integrasse una “violazione di carattere sostanziale che (...) non dava diritto alla detrazione” in capo all’esportatore abituale.

La decisione dei giudici di legittimità si fonda, come detto, sull’istituto di cui all’art. 60 comma 7 del DPR 633/72 (introdotto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU