ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

La minoranza approva il concordato preventivo in continuità

Si osserva una deroga significativa rispetto al principio del silenzio-dissenso

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 28 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per l’approvazione del concordato preventivo il DLgs. 14/2019 (Codice della crisi o CCII) ratifica la regola del silenzio-dissenso contenuta nel RD 267/42.
Infatti, nell’art. 109 comma 1 del CCII si legge che “il concordato è approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto” e l’art. 110 del CCII è rubricato “Adesioni alla proposta di concordato”, dando così rilievo al solo consenso esplicito dei creditori, che finisce per accumunare automaticamente i silenti con i dissenzienti.

Nel contempo, per approvare il concordato preventivo liquidatorio vengono confermate le stesse maggioranze previste dalla legge fallimentare.
Infatti, la procedura priva della suddivisione dei creditori in classi è approvata con il voto favorevole

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU