X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 ottobre 2018

Notizie in breve

Nel 2017 aperte 512 mila nuove partite IVA, in aumento dell’1,2%, a dicembre flessione del 5,7%

/ REDAZIONE

Martedì, 13 febbraio 2018

Nel mese di dicembre sono state aperte 24.450 nuove partite IVA, con una flessione del 5,7% rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente. Nel corso di tutto il 2017, invece, ne sono state aperte circa 512 mila, in aumento dell’1,2% in confronto al 2016.
I dati emergono dall’Osservatorio delle partite IVA del Dipartimento delle Finanze.

Nel dettaglio, a dicembre la distribuzione per natura giuridica mostra che il 54% delle partite IVA è stato aperto da persone fisiche, il 37,1% da società di capitali, il 7,6% da società di persone; la quota dei “non residenti” e “altre forme giuridiche” rappresenta l’1,3% del totale degli avviamenti. Rispetto a dicembre 2016 solo le società di capitali mostrano un aumento (+2,2%), mentre le altre forme giuridiche accusano cali sensibili (persone fisiche -9,4%, società di persone -12,1%).

Nella classificazione per settore produttivo, il commercio, nonostante un vistoso calo, continua a registrare il maggior numero di avviamenti (il 23,7% del totale), seguito dai settori dell’agricoltura (13,1%) e dell’alloggio e ristorazione (10,3%). Rispetto al mese di dicembre 2016, tra i settori principali gli aumenti più consistenti si notano nella sanità (+3,6%), nei servizi alle imprese e nell’agricoltura (+2,1%). Le diminuzioni più rilevanti interessano il commercio (-11,8%), l’alloggio e ristorazione (-9,3%) e le attività artistiche e sportive (8,2%).
I soggetti che hanno aderito al regime forfetario risultano 4.421, pari al 18% del totale delle nuove aperture, con una flessione del 7% in confronto al mese di dicembre 2016.

In tutto il 2017, poi, il 70% delle partite IVA è stato aperto da persone fisiche, circa il 24% da società di capitali e il 4,8% da società di persone. Rispetto al 2016 le società di capitali mostrano un aumento di avviamenti (+7,3%), le persone fisiche sono stabili (-0,2%) e le società di persone in calo (-8,1%).

Il commercio continua a registrare il maggior numero di aperture (21% del totale), seguito da attività professionali (14,7%) e agricoltura (10,9%). Rispetto al 2016, fra i settori principali, si osservano aumenti consistenti nella sanità (+13,3%), per le attività professionali (+10,5%) e per l’istruzione (+6,1%). Le flessioni più marcate si rilevano nel commercio (-6,7%), nell’agricoltura (-3,1%) e nelle attività finanziarie (-0,5%).

Il 17% delle persone fisiche che nel corso del 2017 ha aperto una partita IVA è nato all’estero.
Nel 2017 hanno aderito al regime forfetario in 182.519, il 35,7% del totale delle nuove aperture, con un aumento del 9,1% in confronto al 2016.

TORNA SU