X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il contribuente deve informare l’ufficio se la comparizione è «scaduta» quando è convocato

Nella specie esaminata dalla Cassazione i termini tra le date consentivano una tale interpretazione

/ Alice BOANO

Giovedì, 10 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di accertamento tributario standardizzato, nell’ipotesi di invito al contraddittorio preventivo spedito dall’ufficio con un congruo anticipo rispetto alla notifica dell’avviso di accertamento e recante una data di convocazione manifestamente erronea, ricade sul contribuente l’onere di farsi parte diligente nel coltivare il contraddittorio, segnalando tale circostanza all’Amministrazione.
A stabilirlo la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 16114 depositata ieri, 9 giugno 2021.

I giudici di legittimità sono stati chiamati a valutare la condotta inerte di un contribuente destinatario di una convocazione a invito al contraddittorio a una data manifestamente erronea, in quanto già decorsa alla spedizione della comunicazione.
La soluzione offerta dalla

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU