X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

LAVORO & PREVIDENZA

Sanzionato il datore di lavoro che omette la comunicazione di infortunio

L’INAIL fa il punto sul rapporto fra le sanzioni amministrative per omessa comunicazione di infortunio al SINP e quella ex art. 53 del DPR 1124/1965

/ Fabrizio VAZIO

Mercoledì, 15 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 3, comma 3-bis del DL 244/2016 convertito ha modificato l’art. 18, comma 1-bis, lett. r) del DLgs. 81/2008 e, secondo la nuova formulazione, a decorrere dal 12 ottobre 2017 tutti i datori di lavoro (compresi i datori di lavoratori assicurati presso altri Enti o con polizze private, nonché i soggetti abilitati ad intermediazione) hanno l’obbligo di comunicare a fini statistici e informativi all’INAIL, e per il suo tramite al SINP (sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, art. 86 del DPR 1124/1965), i dati relativi agli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento.
Tale obbligo deve essere adempiuto entro 48 ore dalla ricezione dei riferimenti del certificato medico.

Come ricorda ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU