Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Spetta all’Ufficio la prova sui prezzi di trasferimento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

In tema di prezzi di trasferimento (art. 110 comma 7 del TUIR) l’Amministrazione finanziaria ha l’onere di provare la non conformità del prezzo praticato nella transazione con la controllante estera rispetto a quello di libera concorrenza, ricorrendo ai metodi indicati dall’art. 9 del TUIR e dalle Linee guida OCSE. Lo ha chiarito la Cassazione n. 1374 depositata ieri, 18 gennaio 2022.

Il caso di specie ha ad oggetto l’approvvigionamento di merce, proveniente da fornitori localizzati in Paesi a fiscalità privilegiata, da parte di una società italiana mediante l’interposizione della società controllante di diritto olandese.
L’ufficio procedeva al recupero della percentuale di ricarico operata dalla società olandese nei confronti della società italiana, ritenendo che lo scopo di tale operazione fosse il trasferimento di imponibile verso Paesi a fiscalità privilegiata, ma senza addurre, a tal fine, alcuna prova idonea a dimostrare che il prezzo praticato non corrispondesse al valore normale.

La sentenza stabilisce che spetta all’Amministrazione finanziaria provare che le transazioni infragruppo, ove avvenute tra soggetti indipendenti in condizioni di mercato comparabili, avrebbero generato un maggior reddito imponibile. Non soddisfa tale onere probatorio il mero richiamo all’eccessiva variabilità dei prezzi unitari e all’applicazione di ricarichi negativi da parte della controllante, dovendo l’ufficio dar prova della non congruità del prezzo mediante ricorso ad una delle metodologie impiegate nell’ambito della disciplina dei prezzi di trasferimento, alla luce delle Linee guida OCSE.

Il contribuente dovrà poi giustificare il discostamento dal valore normale dando contezza delle eventuali ragioni commerciali sottostanti, tra le quali può annoverarsi la posizione assunta dalla società all’interno del gruppo (Corte di Giustizia Ue 31 maggio 2018 causa C-382/16).

TORNA SU