ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Appello incidentale da notificare nelle cause scindibili

Il caso si verifica in alcune liti che coinvolgono l’Agente della riscossione

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 3 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la pronuncia n. 11676 depositata lo scorso 30 aprile, ha sancito che se, in violazione dell’art. 53 del DLgs. 546/92, l’appello non viene notificato a tutte le parti del primo grado non è di per sé inammissibile, dovendosi appurare se la lite è scindibile oppure inscindibile.

Solo se si tratta di liti inscindibili il giudice ordina l’integrazione del contraddittorio ai sensi dell’art. 331 c.p.c., con due aspetti da rilevare:
- se il contraddittorio non è integrato passa in giudicato la sentenza di primo grado;
- le parti destinatarie dell’ordine di integrazione del contraddittorio possono proporre appello incidentale tardivo come prevede l’art. 334 c.p.c.

Invece, se si tratta di liti scindibili trova applicazione l’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU