X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Registrazione del comodato verbale non richiedibile in via amministrativa

Una circolare del Ministero dell’Interno prescrive invece che nella dichiarazione di residenza si debbano indicare gli estremi di registrazione

/ Massimo DE NARDI e Anita MAURO

Lunedì, 8 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Di recente è tornato in auge il dibattito in ordine alla mancanza dell’obbligatorietà di registrazione del contratto di comodato avente per oggetto un bene immobile (al proposito e con riguardo alla possibilità di recupero delle spese sostenute per interventi volti al risparmio energetico, si veda “Per la riqualificazione energetica comodato senza registrazione” del 20 agosto 2014), in particolare a motivo del fatto che l’Agenzia delle Entrate ha imposto l’indicazione degli estremi (di registrazione) nel modello UNICO al fine di permettere la detrazione IRPEF sulle spese sostenute, ex art. 16-bis del TUIR, per interventi di recupero edilizio.

In questa sede non s’intende tornare specificamente ed approfonditamente sul precipuo tema connesso alla detrazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU