X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Legittimo il rifiuto di lavorare nelle festività infrasettimanali

Il diritto di astensione dal lavoro è derogabile solo da un accordo individuale o sindacale previo esplicito mandato del prestatore

/ Giada GIANOLA

Martedì, 16 luglio 2019

Il lavoratore ha il diritto di astenersi dallo svolgimento dell’attività lavorativa in occasione delle festività infrasettimanali; tale diritto, che discende direttamente dalla L. n. 260 del 27 maggio 1949, non può essere posto nel nulla dal datore di lavoro attraverso un’imposizione unilaterale, né può essere vanificato dalla contrattazione collettiva.
Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 18887 depositata ieri.

All’origine della vicenda vi è un licenziamento intimato a un dipendente che si era rifiutato di adempiere il primo maggio (Festa dei lavoratori) a un incarico conferitogli il giorno precedente dal suo responsabile. Il licenziamento, intimato per giusta causa, avendo l’azienda qualificato il comportamento del dipendente come insubordinazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU