X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Variazione del plafond se il fornitore emette nota di debito

La nota di variazione incide sul plafond relativo all’annualità dell’operazione originaria

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Venerdì, 11 ottobre 2019

Ai fini della verifica della capienza del plafond dell’esportatore abituale, occorre fare riferimento all’anno di registrazione della fattura relativa all’operazione originaria e non a quello in cui è stato registrato il documento che modifica la stessa ai sensi dell’art. 26 del DPR 633/72.
Il principio è stato enunciato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 25485 depositata ieri, 10 ottobre 2019.

Nel 2003 una società aveva emesso due fatture senza applicazione dell’IVA ex art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72, a fronte di regolare dichiarazione di intento rilasciata dall’esportatore abituale.
L’anno successivo (2004) la stessa società aveva provveduto ad emettere due note di debito riferite alle predette operazioni, in conseguenza di un errore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU